FAQ

L’Ambulatorio di Fisioterapia

Come funziona l’ambulatorio, domande più frequenti. L’ambulatorio è autorizzato dall’ASL? E’ a norma?
Si, l’ambulatorio è autorizzato dall’ASL e rispetta tutte le norme di accessibilità, igiene, manutenzione, pubblicitarie ecc.
All’interno dell’ambulatorio è disponibile un modulo per lasciare un giudizio ed un commento al servizio.

E’ necessario fare una visita nell’ambulatorio prima di iniziare le terapie?
Non è necessario, è sufficiente presentare la prescrizione di un medico a prescindere dalla specializzazione, ma prima di iniziare le terapia eseguiamo sempre un’attenta valutazione per capire se la terapia che propone lo specialista esterno alla struttura è la più indicata per il disturbo del paziente.

Se riteniamo che le terapie indicate non sono le più adatte a risolvere il problema, spiegheremo la situazione al paziente per trovare una soluzione insieme.

Per chi è sprovvisto di prescrizione, è possibile fare una visita specialistica all’interno dell’ambulatorio per offrire al paziente un servizio di alta qualità.

Quanto tempo passa prima di avere un appuntamento?
Per i pazienti che hanno urgenza di iniziare le terapie, generalmente si riesce a iniziare le terapie il giorno dopo che ci avete contattato.

Negli altri casi garantiamo l’inizio delle terapie entro una settimana.

Quante sedute bisogna fare per guarire?

Le terapie di fisioterapia strumentale sono fatte a cicli di 10 trattamenti consecutivi per poter garantire risultati a lungo termine, i cicli di Tecar Terapia® sono di 5 sedute.

Per la terapia manuale è previsto un ciclo di 4/5 sedute.

Sconsiglio di smettere le terapie finché il dolore non è scomparso, a volte per smettere uno o due giorni prima il paziente conserva il dolore o aggrava la situazione.

Gli strappi muscolari guariscono in base alla dimensione della lesione, è necessaria una seduta per ogni millimetro di ampiezza.

La magneto terapia per le fratture è più lenta, il ciclo minimo è di 20 sedute.

In quali orari si effettuano le terapie?
L’ambulatorio si adatta alle esigenze del paziente, rimaniamo aperti fino a tardi.

In ambulatorio che macchinari ci sono?

Abbiamo il Laser CO2, la Magneto terapia, gli Ultrasuoni, l’elettroterapia (diadinamiche, tens, interferenziali, ionoforesi, galvaniche, correnti di Kotz, ecc.), la Tecar® e il fornello per la paraffina.
Tutte le terapie si possono vedere qui.

Quali sono le patologie trattate?

Eseguiamo riabilitazione ortopedica post-intervento (menisco, crociati, cuffia dei rotatori, endoprotesi, fratture, osteotomia, trapianto di cartilagine ecc.), fisiatrica (cervicalgia, lombalgia, tendiniti, lesioni muscolari, artrosi, infiammazioni, sindrome del piriforme ecc.), neurochirurgica post-intervento (ernia del disco, stenosi) e reumatologica (artrite reumatoide, spondilite anchilosante ecc.)

Tutte le terapie si possono vedere qui.

Si può fare la ginnastica correttiva?

Il corso di ginnastica correttiva per bambini e adolescenti inizierà in settembre, è composto da due trattamenti alla settimana per la durata di un ora.

Il corso di ginnastica posturale per adulti inizia in settembre e termina in giugno, due sedute a settimana della durata di un ora circa.

Qual’è la modalità di pagamento?
Si versa un acconto il primo giorno e si salda alla fine dei trattamenti.

La fattura si può scaricare dalle tasse?
Si, come tutte le fatture per prestazioni sanitarie si può detrarre il 19% dell’importo dalla dichiarazione dei redditi.

Come bisogna comportarsi in caso di visita fiscale dell’INPS?
Chi può ricevere la visita fiscale del medico dell’INPS deve comunicarlo all’inizio delle terapie e nel caso non foste stati reperibili durante il controllo, provvederemo a certificare la presenza nell’ambulatorio al momento delle terapie.

Ho un’assicurazione sanitaria, mi verranno rimborsate le spese per trattamenti di fisioterapia?
Si, le spese per la fisioterapia sono considerate come spese mediche, quindi se nel testo del contratto assicurativo non è precisato il contrario, saranno completamente ripagate dall’assicurazione.

Per conferma chiedere al proprio assicuratore.

Come fa l’ambulatorio a migliorare il proprio servizio?
Per cercare di soddisfare il paziente, nell’ambulatorio è presente un modulo anonimo per la valutazione del servizio, inoltre alla fine del ciclo di trattamenti viene richiesto un commento come si può leggere qui.

Autorizzazione Sanitaria n° 3138 del 16/02/2009

I trattamenti fisioterapici si effettuano solo per appuntamento.

E’ necessaria la prescrizione medica per poter iniziare le terapie (D.M. del Ministero della sanità 14 settembre I1994, n. 741 e successive modificazioni), è possibile fare le visite mediche all’interno dell’ambulatorio

La palestra di riabilitazione mette a disposizione attrezzi moderni sia per gli arti inferiori che superiori, facilmente utilizzabili anche da utenti anziani.

Ogni locale è studiato per mettere a proprio agio il paziente rispettando la privacy.

L’ambulatorio si trova a Rubiera in provincia di Reggio Emilia, è sulla via Emilia a metà strada tra Modena e Reggio ed è facilmente raggiungibile da molti paesi della zona come Sassuolo, Scandiano, Casalgrande, Magreta ecc. come si può notare dalla mappa.

Cosa fa l’Ambulatorio di Fisioterapia per migliorare il rapporto con i pazienti?

Il nostro obiettivo primario è la qualità del servizio.

Serviamo l’utenza seguendo i nostri valori fondamentali:

  • Soddisfare le esigenze degli utenti.
  • Impegno a trattare e assistere tutti i pazienti a prescindere da: sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali.
  • Garantire professionalità, gentilezza ed attenzione per qualsiasi esigenza.
  • Ascoltare e valutare reclami, istanze, osservazioni, consigli e suggerimenti per migliorare il servizio.
  • Erogare i trattamenti con continuità e senza interruzioni.
  • Accesso: La struttura permette l’accesso e la piena fruibilità a tutti gli utenti grazie all’eliminazione delle barriere architettoniche.
  • Tutela la privacy del paziente durante i trattamenti.
  • Rispetto delle esigenze orarie e del tempo del paziente.
  • Disponibilità a fornire informazioni di tipo sanitario e amministrativo.
  • Utilizzo di tecnologie ed attrezzature moderne e idonee ai servizi offerti